Home Filmografia Napoleon Gli altri su Kubrick  Cortometraggi Le ultime parole famose Kubrick: an Overlook Download Area Sempre lo stesso film ?

 

Steady-cam

Ringraziamo Valerio Sbravatti, ispiratore di questa pagina

 
 

The Shining (1980) viene realizzato nell’arco di quattro anni ed è caratterizzato come sempre da un’estrema cura tecnica, che comporta tra l’altro l’utilizzo della steady-cam, una cinepresa montata al corpo dell’operatore e ammortizzata con congegni idraulici, che garantisce una scioltezza di movimenti altrimenti impossibile.

 

 

 

 

"La Steadycam permette all'operatore di far muovere la macchina da presa dovunque si possa camminare, cioè in quegli spazi ristretti in cui un dolly non entrerebbe, e inoltre su e giù per le scale. Usammo una macchina Arriflex BL che è silenziosa e che permette di girare con il sonoro. Si può camminare oppure correre con la macchina da presa, e la Steadycam elimina qualunque instabilità.

E' come un tappeto volante.

Quei movimenti rapidi e fluttuanti della macchina da presa nel labirinto sarebbero stati impossibili da realizzare senza la Steadycam. Non si possono collocare le rotaie per il dolly senza che la macchina da presa le inquadri e in ogni caso un dolly non potrebbe eseguire quei movimenti ad angolo retto sulle svolte dei sentieri nel labirinto stesso. Senza una Steadycam si sarebbe potuto fare del nostro meglio con la normale macchina a mano, ma i movimenti in corsa sarebbero stati estremamente instabili. L'unico problema della Steadycam è che richiede che l'operatore vi si eserciti e che sia abile oltre che abbastanza dotato fisicamente. Non si può semplicemente prenderla ed usarla. [...]

Ho avuto Garrett Brown come operatore della Steadycam. Lui ha probabilmente più esperienza di chiunque altro con la Steadycam perché si dà il caso che l'abbia pure inventata. La macchina da presa è montata su un braccio munito di molle che viene applicato su un telaio, il quale a sua volta viene agganciato per mezzo di cinghie alle spalle, al petto ed ai fianchi dell'operatore. Tutto ciò in effetti rende la macchina da presa molto meno pesante. La parte più complicata consiste nel fatto che l'operatore deve controllare con il polso i movimenti di macchina in tutte le direzioni. Osserva la composizione dell'inquadratura su un piccolissimo monitor televisivo che è applicato sul suo apparecchio. Ci vuole dell'abilità per essere in grado di camminare o di correre mantenendo parallela al terreno la linea dell'orizzonte nell'inquadratura e per fare delle panoramiche e dei movimenti inclinati usando soltanto il polso. Un altro problema è rappresentato dalla forza d'inerzia che rende difficile interrompere un movimento dolcemente e proprio nel punto esatto in cui lo volete. Per ottenere una composizione predeterminata si deve anticipare il punto di arresto e poi fare gli scongiuri. [...]

Gran parte dell'hotel Overlook venne costruita come un tutt'unico, in modo che si potesse salire per una rampa di scale, poi girare per un corridoio, attraversarlo tutto e proseguire ancora verso un'altra ala dell'hotel. Ciò permetteva movimenti di macchina simili a quelli che si svolgevano nel labirinto. Per sfruttare completamente questa struttura era necessario avere delle inquadrature in movimento senza tagli e naturalmente la Steadycam rendeva ciò assai più facile".

 

Stanley Kubrick, tratto da Kubrick di M.Ciment

 

 

 

 

 

La Steadicam, Steady Cam o Steady-Cam fu inventata nel 1975 dall'operatore Garrett Brown con la collaborazione della Cinema Products di Ed Di Giulio.

Contrariamente a quanto si possa pensare, prima di Shining venne già impiegata numerose volte, esattamente per:

"Rocky", 1976 di John G. Avildsen;

"Questa terra è la mia terra (Bound for glory)" del 1976, di Hal Ashby;

"Il maratoneta", 1976 di John Schlesinger;

"Esorcista 2: l'eretico", 1977 di John Boorman;

"The Buddy Holly Story", 1978 di Steve Rash;

"Rocky 2", 1979 di Sylvester Stallone;

"Fame", 1980 di Alan Parker.

 

E' indiscutibile che Kubrick abbia però il merito di averne sfruttato appieno tutte le caratteristiche, come al solito utilizzando i nuovi ritrovati tecnici per finalità esclusivamente espressive.

Nel 1978 Garrett Brown e la Cinema Products hanno ricevuto un Premio Oscar per l'invenzione.

 
 

Copyright © 1999-2013 - Orizzonti Kubrickiani

All rights reserved. All the texts of this site may not be reproduced in any form without the express written permission of the Authors.